Blog: Week 6

Last week was a whirlwind of new experiences for me. I finally got to see a full opera in the Teatro alla Scala (Beethoven’s Fidelio). Overall, I liked the plot of the opera and was pleasantly surprised, as no one died at the end. The singers were also very talented and really brought the story to life. I did not like, however, that the director decided to set the opera in the modern day. I felt that the opera seemed much less realistic and that the modern-day setting made the opera feel more like a Broadway show. Seeing the opera overall was a great experience for me, but I think that teaching English will be the experience that most impacts my personal skills. Right now, I am teaching actual English lessons to a group of children and a group of adults. Teaching English to a group on my own is something that I have never done before, and it was very intimidating at first. I’m pretty sure that the phrase “fake it ‘till you make it” aptly described my confidence level last week. I’ve become more confident, though, and I think that my students have learned a fair amount. Teaching my native language in a foreign language is a strange experience, but both my English and Italian skills have been improving as a result, and the enthusiasm of my students when they learn and understand a new concept makes all of the hard work that I put in so worth it. This week is my last week of teaching, and I can’t wait to see how much my students will improve in a mere eight days. My goals are for them to be able to have a simple conversation in English (for the adults) and to know important words and American customs (for the kids). I’m confident that I can achieve these goals, even with such little time.

 

La settimana scorsa è stata un turbinio di nuove esperienze per me. Ho finalmente visto un’opera al Teatro alla Scala (Fidelio, scritto da Beethoven). Soprattutto, mi è piaciuta la trama dell’opera e sono state sorpresa perché nessuno è morto. I cantanti sono stati anche tanto talentuosi e hanno reso vivo la storia. Comunque, non mi è piaciuto che il direttore abbia scelto l’età moderna per la sceneggiatura. Mi sono sentita che l’opera abbia sembrato meno realistica e più come un spettacolo di Broadway. Vedere l’opera era una buona esperienza per me, ma penso che insegnare inglese sarà l’esperienza che ha l’impatto più forte sui miei talenti personali. Adesso, insegno le lezioni inglesi a un gruppo di bambini ed a un gruppo di adulti. Insegnare inglese da sola a un gruppo è una nuova esperienza per me, e ero un po’ intimidatorio all’inizio. Sono sicura che la frase “fingilo fino a quando lo fai” ha descritto il mio livello di fiducia in me stessa la settimana scorsa. Sono diventata più sicura, però, e penso che i miei studenti avessero imparato tante cose. Insegnare la mia madrelingua in un paese straniero è un’esperienza strana, ma il mio talento con l’inglese e l’italiano stanno migliorando, e tutto il mio lavoro vale la pena quando vedo l’entusiasmo degli miei studenti quando imparano e capiscono un’altra concezione. Questa settimana è la settimana finale in cui insegno, e non vedo l’ora di vedere quanto i miei studenti miglioreranno dopo di otto giorno d’istruzione. I miei obiettivi sono che loro possono fare conversazione semplice in inglese (per gli adulti) e che sanno parole importanti e tradizioni americane (per i bambini). Sono sicura che questi obiettivi possono essere realizzati, anche se c’è poco tempo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *